Violenza psicologica , amati e non guardarti indietro.

La violenza domestica è ancora una volta in prima linea nelle notizie quotidiane. L’abuso non è sempre così evidente come essere colpiti o spinti, rispetto all’essere ad esempio denigrati. In realtà, può benissimo essere subdolo e sottile.
Si possono provare sensazioni di confusione circa il rapporto, ci si sente fuori equilibrio o come si stesse “camminando sulle uova” per tutto il tempo. Questo è il tipo di abuso che spesso si insinua nelle coppie e mina i rapporti. Sto parlando nello specifico di abuso psicologico, che è anche conosciuto come abuso mentale o emozionale.
L’abuso psicologico si verifica quando una persona nel rapporto cerca di controllare le informazioni a disposizione di un’altra persona con l’intento di manipolarne la vita o la visione di ciò che è accettabile e inaccettabile. L’abuso psicologico spesso contiene un forte contenuto emotivo insieme alle minacce progettate per costringere la vittima a soddisfare i desideri di chi abusa.
Tutti gli abusi tendono ad abbassare l’autostima. La persona abusata inizia a sentirsi impotente e forse anche senza speranza. Inoltre, la maggior parte dei tossicodipendenti mentali sono abili a convincere la vittima che l’abuso è colpa sua . A loro dire, in qualche modo, la vittima è responsabile di quello che è successo.
Una forma più sofisticata di abuso psicologico è spesso definito “gaslighting”. Questo accade quando vengono presentate informazioni false con l’intento di portare la vittima a dubitare della propria memoria, percezione e sanità mentale.
Ho ascoltato una cliente dirmi che suo marito negava una relazione dopo che aveva scoperto una mail indirizzata ad un’altra donna sul suo pc, e all’insistenza della moglie ha reagito dicendo che avrebbe chiamato l’assistenza perché sicuramente il suo computer conteneva virus.
Una forma comune di abuso emozionale è “Ti amo, ma …” Questo può sembrare bello in un primo momento, ma è al tempo stesso una critica mascherata da una minaccia. Esso indica, “Ti amo, ma se non la smetti questo o quello, il mio amore sarà tolto.” E ‘un colpo costante che mette a dura prova, lentamente, la tua autostima. La parola amore viene, in questi casi usata come rinforzo per controllare il partner.
I manipolatori a volte fanno quello che io chiamo “gettare un osso.” Ho sentito innumerevoli volte da parte dei clienti dire che il loro partner è stato “carino”, “mi ha dato un dono”, ecc, come se dovessero cancellare tutte le azioni negative. È necessario capire che questo fa parte della dinamica del ciclo di abusi.
In realtà è la vittima che si aggrappa alla speranza per non voler vedere la realtà.
L’abuso psicologico può apparire come:
Umiliante o imbarazzante.
Ipercritico.
Il rifiuto di comunicare
Rapporti extraconiugali.
Comportamento provocatorio con il sesso opposto
L’uso di sarcasmo e il tono sgradevole di voce
La gelosia irragionevole
Sbalzi d’umore estremi
Dire “Ti amo, ma …”
Dicendo cose come “Se non _____, io_____.”
Dominio e controllo.
Sensi di colpa.
Tutta colpa tua
Isolarsi da amici e familiari
Usare i soldi per il controllo
Chiamate costanti o sms quando non sei con lui / lei
Minacciare di suicidarsi se ci si lascia.
Se siete in un rapporto tossico vi consiglio di uscirne con un aiuto professionale, se necessario. Spesso il primo passo nel lasciare il manipolatore è parlarne con qualcuno che vi aiuti a ricostruire la vostra autostima. In particolare , siate consapevoli che non vi è rispetto e amore in questo tipo di relazioni. Non seguite schemi e consigli che vi possano riportare a rivivere o sopportarle tali relazioni, iniziate ad amare di più voi stesse e sarete in grado di prendere la decisione giusta, senza guardarvi indietro.

dr. Maria Pia Iurlaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *