• +393202503490
  • scienzintasca@gmail.com

Archivio dei tag evoluzione

IL DNA ANTICO

In ogni cellula ed in alcune tipologie di virus, il patrimonio genetico è rappresentato dal DNA o acido desossiribonucleico.

Possiamo immaginare tale molecola come una lunga e complessa scala a pioli, i cui binari sono costituiti da piccole unità dette nucleotidi. Ogni nucleotide è formato da una base azotata, uno zucchero (desossiribosio) ed un gruppo fosfato. Le basi azotate che entrano in gioco, suddivisibili tra purine e pirimidine, sono 4: adenina (A), guanina (G), citosina (C), timina (T).

I nucleotidi dunque, legandosi l’un l’altro attraverso il gruppo fosfato, formeranno i montanti della scala a pioli. I pioli sono invece costituiti dai legami ad idrogeno tra le basi azotate secondo un ordine di complementarietà ben definito: A si lega con T, C con G. La lunga successione nucleotidica si avvolgerà poi su se stessa dando origine alla caratteristica doppia elica, come illustrato in Fig.1.

Le estremità di un filamento di DNA sono denominate 3′ e 5′. Nella formazione dei montanti, i due filamenti si dispongono secondo un preciso senso di orientamento: sono antiparalleli. In altre parole, il senso di uno è opposto a quello dell’altro. Per tale ragione vengono denominati 3’5′ e 5’3′.

Ad ogni modo, in questo complesso alfabeto a 4 lettere si custodiscono tutte le informazioni genetiche necessarie a costruire e far funzionare un organismo. Si definisce così un gene come la porzione di DNA che detta la ricetta per la formazione delle proteine, reali effettrici delle funzioni biologiche e dei caratteri fenotipici degli individui.

Tutto questo ci viene trasmesso nel tempo dai nostri antenati.

Possiamo estrarre il DNA da molteplici reperti archeologici quali denti, ossa, capelli, tessuti mummificati, vegetali e coproliti. Tale materiale genetico prende il nome di DNA antico o, meglio, degradato.

Attraverso le analisi genetiche di campioni antichi è dunque possibile ricostruire la storia degli organismi esaminati e rispondere a domande ancora aperte.

Sfortunatamente però non è così semplice.

Con la morte dell’organismo infatti, tutte le molecole organiche, DNA compreso, subiscono un processo di degradazione che va sotto il nome di diagenesi.

Il primo processo diagenetico che si innesca è lo switch degli enzimi vitali in enzimi litici, una sorta di autodistruzione dell’organismo.

Inoltre anche il pH, la temperatura ed il mezzo di conservazione del reperto giocano un ruolo estremamente importante. E’ stato dimostrato che ambienti acidi, basici, umidi, ricchi di microrganismi e particolarmente caldi tendono a promuovere la frammentazione del DNA. La lunga scala a pioli diviene dunque instabile e si disgrega in frammenti sempre più piccoli finché non è più possibile capirne l’ordine e le informazioni che contiene. Per lo stesso motivo dunque, più un reperto è antico, più sarà sottoposto a diagenesi e più il suo DNA sarà frammentato ed esiguo.

A volte però, può succedere che l’ambiente giochi a nostro favore. Temperature particolarmente basse, pH neutro, luoghi anossici e/o in assenza di acqua tendono infatti a dare una buona protezione alla degradazione nel tempo. Inoltre, gli sviluppi recenti della biologia molecolare consentono di analizzare al meglio questo messaggio proveniente dal passato e quindi di recuperare genomi sempre più completi ed autentici.

Il DNA antico ha così permesso non solo di far chiarezza sulla nostra evoluzione, ma anche, spesso, di riscriverla. E’ il caso di Homo Neanderthalensis. Fino a pochi anni fa questo antico ominide era considerato il nostro lontano progenitore, ma ad oggi possiamo dire che siamo di fatto due specie distinte e coesistenti del tardo Pleistocene. In altre parole, i Neanderthal non sono altro che i nostri lontani cugini. Isolando ed analizzando alcuni geni neanderthaliani è stato anche possibile dare loro un volto ed una cultura. Sappiamo infatti che avevano la pelle chiara, i capelli rossi e, con tutta probabilità, un ancestrale linguaggio articolato condiviso con i primi Sapiens.

Tutto ciò che siamo è scritto dunque nel nostro DNA, tramandato di millennio in millennio, di migrazione in migrazione, dai nostri avi. La nostra storia è quindi “solamente” in attesa di essere letta.

Bibliografia

– Caramelli D., Lari M., 2004 “Il DNA antico. Metodi di analisi e applicazioni” Angelo Pontecorboli editore, Firenze.

Cooper A., Rambaut A., Macaulay V., Willerslev E., Hansen A.J., Stringer C., 2001 : “Human Origins and Ancient Human DNA”. Science, 292.

Fu Q., Mittnik A., Johnson P. L., Bos K., Lari M., Bollongino R., Sun C., Giemsch L., Schmitz R., Burger J., Ronchitelli A. M., Martini F., Cremonesi R. G., Svoboda J., Bauer P., Caramelli D., Castellano S., Reich D., Paabo S., Krause J. :“A revised timescale for human evolution based on ancient mitochondrial genomes”. Curr Biol. 2013 Apr 8;23(7):553-9.

Sorprendente processo fisiologico e “salva vita”: l’autofagia

L’autofagia, termine derivata dal greco “mangiare sé stesso”, è un processo fisiologico degradativo cellulare.  Questo sistema cosi sofisticato di “auto-alimentazione” è conservato nell’evoluzione, sia come sistema di rinnovamento intracellulare sia per la patogenesi delle malattie.

Tutti gli organismi viventi sono soggetti a continui rinnovamenti. Le cellule e le componenti intracellulari sono costantemente rimodellate e riciclate. Questo processo avviene, in parte, al fine di sostituire vecchi componenti con nuovi di migliore qualità. Tale ” ristrutturazione cellulare ” richiede la sintesi di nuovi componenti ma anche degrado di materiali preesistenti, che possono servire come “mattoni di costruzione”. Difatti, l’autofagia è un termine generico per tutti i percorsi attraverso cui il citoplasma e i suoi materiali vengono veicolati al lisosoma nelle cellule animali o al vacuolo nelle cellule vegetali e di lievito.

L’autofagia ha un ruolo centrale nel mantenere l’omeostasi cellulare e l’equilibrio tra sintesi e degradazione delle componenti cellulari. Difatti la sua funzione è quella di riciclare le componenti cellulari, sia per la normale omeostasi, sia per garantire la sopravvivenza della cellula in condizioni di stress. Attraverso l’autofagia possono essere eliminati lipidi, acidi nucleici, proteine, e strutture macromolecolari come aggregati proteici o interi organuli ed è essenziale nel rimuovere e distruggere virus e batteri che si sono intrufolati nel materiale cellulare. Inoltre essendo la sua capacità degradativa illimitata, eliminando organelli e proteine danneggiati, le cellule contrastano anche il loro invecchiamento.

Grazie allo sviluppo di sofisticati strumenti di ricerca, Il biologo giapponese Yoshinori Ohsumi, insignito del Nobel per la Medicina 2016, è riuscito a osservare i dettagli di questo processo nel lievito usato per fare il pane.

L’autofagia è attiva e svolge un ruolo fondamentale in tutte le fasi della vita, dall’embrione alla senescenza e se si svolge in maniera deregolata, si sviluppano patologie quali il cancro, malattie autoimmuni sistemiche, infettive, muscolari, neurodegenerative etc. L’autofagia, è un meccanismo omeostatico essenziale anche per i nostri preziosi neuroni.

Nonostante l’autofagia sia un processo fisiologico per la cellula, affinché inizi è necessario uno stimolo. Tra i vari segnali che sono in grado di regolare l’autofagia ci sono la carenza di nutrienti, di fattori di crescita, stress di varia natura come patogeni o determinati composti chimici, etc.

Negli ultimi dieci anni, l’autofagia ed il suo ruolo nell’immunità è cresciuto costantemente. Ulteriori studi sono in corso per comprendere il legame tra autofagia e infiammazione e le inevitabili sovrapposizioni con le funzioni metaboliche e di controllo della sua qualità. Per il momento, gli scienziati esaminando come essa influenza questi processi sono arrivati alla conclusione che mentre l’autofagia ha una capacità benefica di inibire l’infiammazione spontanea / endogena, la sua disregolazione sotto forma di attivazione persistente ma potenzialmente inefficiente può portare a patologie e contribuire a esiti dannosi.

Esprimendo in modo più diretto l’importanza dell’autofagia, basti immaginare che attraverso essa, le nostre cellule si rinnovano, si auto riciclano e i risvolti positivi che si hanno a livello sistemico, fisico e mentale, sono elevatissimi. Le nostre cellule si rigenerano e, sapendo, oramai, che ogni nostra singola cellula ha il suo orologio biologico interno, se non diamo al nostro organismo “tempo” per rilassarsi, se ogni tanto non gli diamo una “scossa” o non lo resettiamo (tramite l’autofagia), prima o poi “impazzirà”. È come fare un reset al nostro smartphone!!!

Come possiamo attivare tale processo? Ecco che in un regime di iperalimentazione che domina l’era odierna, entra in gioco la pratica del digiuno e / o del digiuno intermittente, mima-digiuno etc. Il messaggio comune che arriva è “non si mangia” ed è dannoso. In realtà non è esatta come definizione. Recenti studi dimostrano quanto le nostre cellule traggono beneficio da questa pratica, che attiva questo sofisticato e finemente regolato processo, l’autofagia. I suddetti protocolli, sono stati considerati come possibili induttori di aumento di % di casi di disturbi del comportamento alimentare (DCA). Purtroppo l’informazione sbagliata, unita alla poca collaborazione da parte di figure esperte, porta a non fidarsi e a seguire i dettami fai da te. Ancora, il non farsi seguire da un esperto, non solo quando si è arrivati già ad uno stato di malattia, ma per perseverare il nostro stato di salute, delle nostre cellule, per evitare che si raggiunga lo stato di malattia.

Numerosi studi dimostrano effetti benefici su diversi tipi di patologie, quali malattie neurodegenerative, autoimmuni (i.e. psoriasi), depressione, malati epilettici farmaco resistenti, nella prevenzione e cura adiuvante oncologica, ovviamente tutti strettamente seguiti da esperti nel campo. Ulteriori recenti ed interessanti studi correlano un non corretto funzionamento dell’autofagia con l’accumulo di proteine aggregate, dunque sviluppo di patologie neurodegenerative come l’Alzheimer. La futura comprensione di questi ed altri meccanismi alla base di tale sofisticato e sorprendente processo, potrebbe fornire un ulteriore crescita per lo studio e per lo sviluppo di nuove terapie per trattare tali patologie ma non solo.

Riferimenti bibliografici

[1] Stavoe, A.K.H., Neuroscience Letters (2018), https://doi.org/10.1016/j.neulet.2018.03.025

[2] Vojo Deretic & Daniel J. Klionsky (2018) Autophagy and inflammation: A special review issue, Autophagy, 14:2, 179-180, DOI: 10.1080/15548627.2017.1412229

[3]L. Mattera. Scienzintasca 2018. Sindrome da burnout: un “mostro” silenzioso da conoscere e sconfiggere

[4] L. Mattera. Scienzintasca 2017. Il cambiamento non ha età: le nostre cellule neuronali sono guidate da una “danza plastica” che dura tutta la vita

[5]  Mizushima N, Komatsu M. Autophagy: renovation of cells and tissues. Cell. 2011; 147: 728-741.

 

Hydra vulgaris: un meraviglioso organismo modello e non solo!

L’Hydra vulgaris è un piccolo polipo di acqua dolce, possiamo considerarlo “cugino” della ben conosciuta medusa. È considerato un eccezionale organismo modello, a stento visibile ad occhio nudo, grazie alle sue uniche e magiche “proprietà”. Partendo dal presupposto che l’evoluzione ha conservato i meccanismi molecolari, genetici e biochimici di base, studiarne le dinamiche con i cosiddetti organismi modello, permette alla scienza di andare avanti, comprendendo tali pathway e scoprendone dei nuovi.

Questo piccolo polipo di acqua dolce offre notevoli vantaggi rispetto ad altri organismi modello, sia per studi in vivo che in vitro. In particolare è adatto per i biologi che studiano i processi di sviluppo e rigenerazione, così pure per i chimici e i tossicologi per cercare nuovi modelli per testare l’impatto delle nanoparticelle sulla salute umana e sull’ambiente. Inoltre, grazie alla semplicità del suo sistema nervoso, rappresenta un sistema modello ideale per lo studio della trasmissione di segnale. Ha un basso costo di allevamento e in condizioni controllate si riproduce asessualmente, ha una semplice struttura anatomica, è trasparente e quindi permette la localizzazione di sonde fluorescenti a livello di animale intero e gli studi di migrazione cellulare in condizioni fisiologiche. Ammirarlo al microscopio è meraviglioso, coinvolgente ed appassionante. Con sottofondo di musica, si ha l’impressione che danzi, dunque un piacere studiarlo!

Una delle sfide della medicina di precisione è quella di scoprire i gap molecolari ancora esistenti per poter prevenire patologie anche gravi. Ebbene l’Hydra vulgaris vanta non solo di essere un prezioso e meraviglioso candidato per tale sfida. Difatti, visto la sua straordinaria longevità, immortalità, diventa spunto interessante per i ricercatori che studiano tali meccanismi. Vanta, altresì, di essere una fonte preziosa di cellule staminali e la sua capacità rigenerativa (sezionandola è capace di rigenerare dalle rispettive parti un nuovo organismo) affascina da anni ricercatori in diversi settori. Inoltre, essendo molto sensibile agli agenti tossici è anche utilizzato come indicatore biologico per valutare il grado di inquinamento delle acque e da diversi anni studiato presso il Nanobiomolecular group del CNR di Pozzuoli per testare l’impatto di diverse nanoparticelle di nuova generazione.

Tali studi sono fondamentali visto l’invasione nella nostra vita quotidiana dei cosiddetti nanomateriali dovuti all’evoluzione delle nanotecnologie e nanomedicina. Ricordiamo però che tale evoluzione è fondamentale, oggigiorno che siamo e miriamo alla predetta medicina personalizzata. La precisione ottenuta attraverso l’utilizzo di strumenti nanotecnologici è incomparabile rispetto ad altre tecnologie. Inoltre, visto le ultimissime grandi rivelazioni nel campo, come ad esempio il sistema CRISPR-Cas9, la chiave per poter programmare e riprogrammare i nostri geni, il sistema CAR-T – immunoterapia con linfociti riprogrammati, cha ha dato i primi riscontri positivi anche al Bambino Gesù di Roma, mentre, come al solto negli USA ci sono già dati di efficacia a lungo termine su circa 75 pazienti e trial clinici approvati con tale terapia come anche in Cina.

Dunque, contribuire a trovare i tasselli mancanti per migliorare ed arrivare a tale precisione, anche con organismi modello, come l’Hydra vulgaris, sono tasselli fondamentali da perseverare per mirare a tale sfida. Tali studi, sono necessari e indispensabili affinché nuovi e precisi nanodispositivi possano entrare in tempi rapidi a far parte ed ampliare la nanomedicina che regna e regnerà anche il nostro futuro e per testare le basi molecolari delle interazioni bio-non bio e quindi, ad esempio, il potenziale impatto tossico delle nanoparticelle sulla salute umana e sull’ambiente.

In questo modo, speriamo, che in futuro patologie “incurabili”, come ad esempio le malattie genetiche rare, potrebbero essere solo un ricordo lontano. Ricordiamoci però che il meccanismo CRISPR-Cas9, CAR-T e / o altre simili tecniche sofisticate e di precisione devono essere usate con prudenza ed intelligenza. Abbiamo una grande opportunità, in possesso di “mani sbagliate” potrebbe essere devastante.

Amerei concludere, ricordando che per scoprire ed approfondire i segreti ancora sconosciuti di simili meccanismi, dunque per mirare ad una vera a propria prevenzione, diagnosi, cura, terapia personalizzata, accurata e precisa, abbiamo bisogno degli avanzamenti e degli sforzi dei ricercatori. Tali sono enormi, fondamentali e, spesso, sottostimati. Probabilmente urge l’esigenza di “stimarli” e valorizzarli giusto un pochino in più in Italia e nel mondo!

 

Riferimenti bibliografici

[1] http://www.tortiglione.com/nanobiomoleculargroup/Sito/NanoBiomolecular_group.html

[2] http://www.ospedalebambinogesu.it/terapia-genica-cellule-riprogrammate-contro-il-tumore#.WpqzfejOXIU

[3] Drost et al (2017) “Use of CRISPR-modified human stem cell organoids to study the origin of mutational signatures in cancer”. Science 358:234.

[4] Hong Ma et al. Correction of a pathogenic gene mutation in human embryos. Nature volume 548, pages 413–419 (24 August 2017)

[5] Sara Reardon First CRISPR clinical trial gets green light from US panel. Nature, 22 June 2016

[6] David Cyranoski. Chinese scientists to pioneer first human CRISPR trial. Nature, 21 July 2016

[7] Tino, A., Ambrosone, A., Marchesano, V., and Tortiglione, C. (2014) Molecular bases of nanotoxicology, Wiley-VCH, Weinheim, Germany.

[8] Tortiglione. The heritable effects of nanotoxicity. Nanomedicine 2014, VOL. 9, NO. 18

[9] Ambrosone A., Mattera L., et al. Mechanisms underlying toxicity induced by CdTe quantum dots determined in an invertebrate model organism. Biomaterials 2012 ; 33(7):1991-2000.

[10] Tortiglione C (2011). An Ancient Model Organism to Test In Vivo Novel Functional Nanocrystals. Chapter 10, pp. 225-252 . In “Biomedical Engineering – From Theory to Applications”, Reza Fazel-Rezai Ed., ISBN: 978-953-307-637-9, Aug 2011 InTech Publisher

 

 

 

 

 

Epigenetica....il miracolo della vita

Epigenetica: viaggiamo nel suo magico nanomondo.

“L’epigenetica è un magico “nanomondo”, tutto ciò che siamo e che ci circonda è una “sinfonia da camera”, una danza. La musica ci avvicina al cosmo e ha il potere e la magia di “accompagnarci” in altri “nanomondi”, magici come noi”. L.V.M.

Epigenetica. Cos’è l’epigenetica? Ebbene siamo noi stessi! Prima ancora del DNA (il nostro corredo genico), il “destino” di ognuno di noi, la voce in capitolo, il direttore d’orchestra, il coreografo è proprio l’epigenetica. Grazie a questo fenomeno, che considero magico, il nostro “nanomondo naturale” ci permette di svilupparci e di evolverci. In letteratura esistono numerose espressioni, per spiegare questo “miracolo”, a me ispira e piace quella della musica corredata da mie piccole note personali. Diversi autori hanno utilizzato questa metafora per poter descrivere e sin anche registrare il suono del nostro codice genetico. Vediamo qualche esempio: Nature, una delle riviste scientifiche più prestigiose, il progetto “Roadmap dell’Epigenetica” utilizza tali allegorie ed ancora Klinghoffer, fa corrispondere il pianoforte all’epigenetica che suona le informazioni “statiche” contenute nel DNA dando movimento, ed io aggiungo, come una danzatrice lo dà alla musica. Se, invece, considerassimo il DNA come un pianoforte, allora i geni sarebbero i tasti con “noi” a fare i musicisti e con l’epigenetica come direttore d’orchestra. Quando vi è equilibrio e sincronia tra le note, il suono risulta armonico. Allo stesso modo quando ritroviamo “equilibrati” i processi della trascrizione genica, che culminano con la creazione di ogni singolo “composto” del nostro organismo, del nostro carattere, delle nostre emozioni, la nostra vita magicamente diviene un’opera d’arte.

Cosa c’è di magico? Beh, di fronte a tanto basta porsi una domanda o meglio un punto di riflessione:  l’uomo è ben riuscito ad imitare il nostro “nanomondo naturale”, rivelandosi quasi prone a vincere l’attuale sfida della medicina moderna (puntata sulla personalizzazione), grazie ai grandi progressi, in particolar modo, quelli apportati dalla nanomedicina. Quest’ultima è una relativamente nuova scienza basata sulla diagnosi accurata e precoce delle malattie, utilizzando nanomateriali di ultima generazione nanotecnologica. L’uomo, dunque, giunge quasi alla personalizzazione della medicina, ma non potrà e non riuscirà mai a raggiungere la perfezione di Madre Natura. Pensiamo solamente che le proteine, gli enzimi, i nostri catalizzatori per eccellenza, seguendo il “direttore d’orchestra”, hanno una dimensione di appena pochi nanometri e sono in grado di “creare la vita”. E per quanto riguarda il nucleo delle nostre cellule? Il custode della nostra genetica, del nostro tesoro?!? Appena “grande” pochi micrometri riesce a contenere fino a 2 metri di DNA! La migliore nanoparticella “artificiale” ingegnerizzata dall’uomo, non potrà mai sostituire quella naturale, il cibo. Inoltre, il nanomondo, quello artificiale, per quanto magico possa essere anch’esso, grazie ai grandi contribuiti che ha portato e che apporta alla medicina personalizzata, ha il contro che alcuni nanomateriali potrebbero recare “danni” nel caso in cui, il nucleo degli stessi, dovesse venire a contatto con l’uomo. Quest’ultimo problema è risolto per alcuni tipi, tramite, ad esempio, un rivestimento superficiale di protezione, ma non per altri. Se riuscissimo, però, a ben equilibrare il nostro nanomondo, quello “naturale”, le note discordanti di qualsiasi “danno”  possono essere ridotte se non addirittura eliminate. Si, l’epigenetica dirige e come per magia crea un effetto, un cambiamento, un suono, un’armonia, una sinfonia da camera o un concerto rock e a seconda che questi siano armoniosi o meno, il risultato è lo stato di salute o quello di malattia.

L’epigenetica siamo noi ed anche e soprattutto tutto ciò che ci circonda: l’ambiente, l’alimentazione, lo stile di vita, le persone con le quali interagiamo quotidianamente, la musica che ascoltiamo, etc. Bisogna creare armonia ed equilibrio in tutto. Non bisogna solo mangiar bene sempre, di tanto in tanto lo “sgarro” deve esserci. Come non ascoltiamo sempre la stessa musica, quella classica potrebbe, dopo un po’, assopirci, come quella rock “esaurirci”. Equilibrio in tutto, affinché il nostro “nanomondo” sia il più magico e fenomenale che potremmo ottenere per il nostro benessere fisico e soprattutto mentale sinonimo, anche, di buonumore. Siamo noi i direttori d’orchestra della nostra vita, i coreografi,  siamo noi a “decidere” se voler star bene o “cadere” in quelle note discordanti che ci fanno ammalare. Ecco, dunque, svelata la sua magia, e ricorda, infine, che siamo polvere di stelle, gli atomi sono gli stessi e i “ritratti” del cosmo assomigliano inverosimilmente al mondo cellulare, a quelle che noi biologi visualizziamo al microscopio. Capiamo, dunque, quanto siamo il nano del macro!

Voglio porvi ancora un’ultima domanda: avete mai notato le immagini di esplosioni stellari? O quelle di una nebulosa planetaria? Impressionante, stessi / simili “dipinti” che notiamo al microscopio durante la fase di mitosi e / o meiosi, citodieresi, processi biochimici che sono alla base del turnover delle nostre cellule e della riproduzione, quindi, dell’evoluzione. Ed ancora, la materia oscura e “figure” spaziali, simile alla rete dei microtubuli (i binari delle nostre cellule), ai neuroni, agli astrociti (le nostre preziose cellule nervose). Incuriosita da queste “mie osservazioni”, ho riscontrato conferme positive in numerosi recenti articoli in letteratura che descrivono questo “fenomeno”. Denis Noble, biologo britannico, è stato uno dei “pionieri”, descrivendo la sua filosofia in trattati (che attendo con ansia di leggerne la versione integrale), come ad esempio “The Music of life“. Altri autori, ancora, definiscono la neuroplasticità (“evoluzione” delle cellule nervose) come un universo in espansione. In un altro studio interessante, gli autori hanno misurato l’emissione delle onde cerebrali, nelle diverse fasi del sonno, relazionandola alla radiazione cosmica di fondo. Sconvolgente, sono, dunque, quesiti e spunti di riflessione da approfondire, soprattutto ora che si apre la porta “all’era d’oro del nostro Universo”, appellativo attribuito dopo la recentissima rilevazione (sia con le onde gravitazionali, sia con la radiazione elettromagnetica), per la prima volta nella storia,  del segnale emesso dalla collisione di una coppia di stelle di neutroni, scoprendo “la fabbrica d’oro e di platino dell’Universo”.

Amerei concludere ponendovi un’altro punto di riflessione. Le suddette osservazioni, le ritroviamo anche in testi antichi ed ancora diversi autori si sono “divertiti” a spiegare e dipingere queste somiglianze, tra mondo cellulare e cosmo. Il Dr. Cajal (Nobel prize 1906; 1852-1934) e Kandinsky (precursore e fondatore della pittura astratta, 1866-1944) ne sono un esempio. Notiamo, dunque, quanto il progetto divino sia perfetto come il nostro Universo biochimico. Personalmente, mi sono sempre chiesta, e vi assicuro tra colleghi e nel mondo intero, non sono la sola, come sia possibile un meccanismo cosi sofisticato e complicato ma che al contempo sia cosi perfetto a far sì che tutto accada?…questo è il magico mistero della vita, magico e misterioso come la vita stessa…ed allora, alla luce di tutte queste meraviglie, ora, dopo avere letto, rifletti, chiudi gli occhi, respira, suona, vivi in armonia, viaggiando e danzando sulle note della tua vita, del mondo e, soprattutto, dell’immensità dell’ Universo.

 “As long as our brain is a mystery, the universe, the reflection of the structure of the brain will also be a mystery.” Santiago Ramon y Cajal. Nobel prize 1906 

“Quando camminerete sulla terra dopo aver volato, guarderete il cielo perché là siete stati e là vorrete tornare” … ”Non sai tu che la nostra anima è composta di armonia”… “No words are needed for those who understand music”. Leonardo Da vinci. Trattato della pittura.

“Mens sana in corpore sano”. Giovenale, Satire, X, 356 

“Il mio obiettivo nella vita è quello di dare al mondo ciò che ho avuto la fortuna di ricevere: l’estasi della divina unione attraverso la mia musica e la mia danza”. Micheal Jackson