Marmellate, confetture e composte: sono la stessa cosa?

Quanti di voi, fino ad oggi, l’hanno pensato?

Mi spiace deludervi, ma no!

Le marmellate, le confetture e le composte sono prodotti differenti.

Andiamo a vedere il perchè…

La marmellata è un prodotto alimentare, portato a gelificazione adeguata, derivante dalla miscela di zuccheri,acqua e di uno o più prodotti ottenuti da soli agrumi quali: arancia, mandarino, limone, cedro, bergamotto e pompelmo. Per la produzione di marmellata la percentuale di frutta deve essere almeno del 20%  e le parti degli agrumi che si possono utilizzare sono: la polpa, la purea, il succo, gli estratti acquosi e anche la scorza.

La confettura, invece, si riferisce ad un prodotto anch’esso gelificato derivante dalla mescolanza di acqua, zuccheri ed esclusivamente di polpa e/o di purea di una sola o più specie di frutta. Nella produzione della confettura la percentuale di frutta non può essere inferiore al 35%  anche se si riscontrano variazioni della soglia minima in base al tipo di frutto utilizzato. 

Su alcuni prodotti le etichette riportano la dicitura “confettura extra” che si riferisce sempre ad una miscela gelificata di zuccheri, acqua e di polpa di una o più specie di frutta, escluse mele, pere, prugne a nocciolo aderente, meloni, angurie, uve, zucche, cetrioli e pomodori. In questo caso la percentuale di frutta deve essere superiore del 45%. 

Infine, la composta, sebbene non esista una regolamentazione a riguardo, è sempre un prodotto a base di frutta simile alle altre due tipologie. La composta  contiene però una maggior quantità di frutta (almeno del 65-70%), con un tenore di zuccheri sensibilmente inferiore rispetto alle altre preparazioni (minore del 45%). Quindi a livello commerciale è il prodotto di miglior qualità rispetto alle marmellate e alle confetture. 

Riferimenti

D.lgs 20 febbraio 2004, n. 50  “Attuazione della direttiva 2001/113/CE concernente le confetture, le gelatine e le marmellate di frutta, nonche’ la crema di marroni, destinate all’alimentazione umana”

Documento della Camera di Commercio Torino https://www.to.camcom.it/sites/default/files/opportunita-europa/15611_CCIAATO_20112012.pdf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *