Epigenetica: viaggiamo nel suo magico nanomondo.

“L’epigenetica è un magico “nanomondo”, tutto ciò che siamo e che ci circonda è una “sinfonia da camera”, una danza. La musica ci avvicina al cosmo e ha il potere e la magia di “accompagnarci” in altri “nanomondi”, magici come noi”. L.V.M.

Epigenetica. Cos’è l’epigenetica? Ebbene siamo noi stessi! Prima ancora del DNA (il nostro corredo genico), il “destino” di ognuno di noi, la voce in capitolo, il direttore d’orchestra, il coreografo è proprio l’epigenetica. Grazie a questo fenomeno, che considero magico, il nostro “nanomondo naturale” ci permette di svilupparci e di evolverci. In letteratura esistono numerose espressioni, per spiegare questo “miracolo”, a me ispira e piace quella della musica corredata da mie piccole note personali. Diversi autori hanno utilizzato questa metafora per poter descrivere e sin anche registrare il suono del nostro codice genetico. Vediamo qualche esempio: Nature, una delle riviste scientifiche più prestigiose, il progetto “Roadmap dell’Epigenetica” utilizza tali allegorie ed ancora Klinghoffer, fa corrispondere il pianoforte all’epigenetica che suona le informazioni “statiche” contenute nel DNA dando movimento, ed io aggiungo, come una danzatrice lo dà alla musica. Se, invece, considerassimo il DNA come un pianoforte, allora i geni sarebbero i tasti con “noi” a fare i musicisti e con l’epigenetica come direttore d’orchestra. Quando vi è equilibrio e sincronia tra le note, il suono risulta armonico. Allo stesso modo quando ritroviamo “equilibrati” i processi della trascrizione genica, che culminano con la creazione di ogni singolo “composto” del nostro organismo, del nostro carattere, delle nostre emozioni, la nostra vita magicamente diviene un’opera d’arte.

Cosa c’è di magico? Beh, di fronte a tanto basta porsi una domanda o meglio un punto di riflessione:  l’uomo è ben riuscito ad imitare il nostro “nanomondo naturale”, rivelandosi quasi prone a vincere l’attuale sfida della medicina moderna (puntata sulla personalizzazione), grazie ai grandi progressi, in particolar modo, quelli apportati dalla nanomedicina. Quest’ultima è una relativamente nuova scienza basata sulla diagnosi accurata e precoce delle malattie, utilizzando nanomateriali di ultima generazione nanotecnologica. L’uomo, dunque, giunge quasi alla personalizzazione della medicina, ma non potrà e non riuscirà mai a raggiungere la perfezione di Madre Natura. Pensiamo solamente che le proteine, gli enzimi, i nostri catalizzatori per eccellenza, seguendo il “direttore d’orchestra”, hanno una dimensione di appena pochi nanometri e sono in grado di “creare la vita”. E per quanto riguarda il nucleo delle nostre cellule? Il custode della nostra genetica, del nostro tesoro?!? Appena “grande” pochi micrometri riesce a contenere fino a 2 metri di DNA! La migliore nanoparticella “artificiale” ingegnerizzata dall’uomo, non potrà mai sostituire quella naturale, il cibo. Inoltre, il nanomondo, quello artificiale, per quanto magico possa essere anch’esso, grazie ai grandi contribuiti che ha portato e che apporta alla medicina personalizzata, ha il contro che alcuni nanomateriali potrebbero recare “danni” nel caso in cui, il nucleo degli stessi, dovesse venire a contatto con l’uomo. Quest’ultimo problema è risolto per alcuni tipi, tramite, ad esempio, un rivestimento superficiale di protezione, ma non per altri. Se riuscissimo, però, a ben equilibrare il nostro nanomondo, quello “naturale”, le note discordanti di qualsiasi “danno”  possono essere ridotte se non addirittura eliminate. Si, l’epigenetica dirige e come per magia crea un effetto, un cambiamento, un suono, un’armonia, una sinfonia da camera o un concerto rock e a seconda che questi siano armoniosi o meno, il risultato è lo stato di salute o quello di malattia.

L’epigenetica siamo noi ed anche e soprattutto tutto ciò che ci circonda: l’ambiente, l’alimentazione, lo stile di vita, le persone con le quali interagiamo quotidianamente, la musica che ascoltiamo, etc. Bisogna creare armonia ed equilibrio in tutto. Non bisogna solo mangiar bene sempre, di tanto in tanto lo “sgarro” deve esserci. Come non ascoltiamo sempre la stessa musica, quella classica potrebbe, dopo un po’, assopirci, come quella rock “esaurirci”. Equilibrio in tutto, affinché il nostro “nanomondo” sia il più magico e fenomenale che potremmo ottenere per il nostro benessere fisico e soprattutto mentale sinonimo, anche, di buonumore. Siamo noi i direttori d’orchestra della nostra vita, i coreografi,  siamo noi a “decidere” se voler star bene o “cadere” in quelle note discordanti che ci fanno ammalare. Ecco, dunque, svelata la sua magia, e ricorda, infine, che siamo polvere di stelle, gli atomi sono gli stessi e i “ritratti” del cosmo assomigliano inverosimilmente al mondo cellulare, a quelle che noi biologi visualizziamo al microscopio. Capiamo, dunque, quanto siamo il nano del macro!

Voglio porvi ancora un’ultima domanda: avete mai notato le immagini di esplosioni stellari? O quelle di una nebulosa planetaria? Impressionante, stessi / simili “dipinti” che notiamo al microscopio durante la fase di mitosi e / o meiosi, citodieresi, processi biochimici che sono alla base del turnover delle nostre cellule e della riproduzione, quindi, dell’evoluzione. Ed ancora, la materia oscura e “figure” spaziali, simile alla rete dei microtubuli (i binari delle nostre cellule), ai neuroni, agli astrociti (le nostre preziose cellule nervose). Incuriosita da queste “mie osservazioni”, ho riscontrato conferme positive in numerosi recenti articoli in letteratura che descrivono questo “fenomeno”. Denis Noble, biologo britannico, è stato uno dei “pionieri”, descrivendo la sua filosofia in trattati (che attendo con ansia di leggerne la versione integrale), come ad esempio “The Music of life“. Altri autori, ancora, definiscono la neuroplasticità (“evoluzione” delle cellule nervose) come un universo in espansione. In un altro studio interessante, gli autori hanno misurato l’emissione delle onde cerebrali, nelle diverse fasi del sonno, relazionandola alla radiazione cosmica di fondo. Sconvolgente, sono, dunque, quesiti e spunti di riflessione da approfondire, soprattutto ora che si apre la porta “all’era d’oro del nostro Universo”, appellativo attribuito dopo la recentissima rilevazione (sia con le onde gravitazionali, sia con la radiazione elettromagnetica), per la prima volta nella storia,  del segnale emesso dalla collisione di una coppia di stelle di neutroni, scoprendo “la fabbrica d’oro e di platino dell’Universo”.

Amerei concludere ponendovi un’altro punto di riflessione. Le suddette osservazioni, le ritroviamo anche in testi antichi ed ancora diversi autori si sono “divertiti” a spiegare e dipingere queste somiglianze, tra mondo cellulare e cosmo. Il Dr. Cajal (Nobel prize 1906; 1852-1934) e Kandinsky (precursore e fondatore della pittura astratta, 1866-1944) ne sono un esempio. Notiamo, dunque, quanto il progetto divino sia perfetto come il nostro Universo biochimico. Personalmente, mi sono sempre chiesta, e vi assicuro tra colleghi e nel mondo intero, non sono la sola, come sia possibile un meccanismo cosi sofisticato e complicato ma che al contempo sia cosi perfetto a far sì che tutto accada?…questo è il magico mistero della vita, magico e misterioso come la vita stessa…ed allora, alla luce di tutte queste meraviglie, ora, dopo avere letto, rifletti, chiudi gli occhi, respira, suona, vivi in armonia, viaggiando e danzando sulle note della tua vita, del mondo e, soprattutto, dell’immensità dell’ Universo.

 “As long as our brain is a mystery, the universe, the reflection of the structure of the brain will also be a mystery.” Santiago Ramon y Cajal. Nobel prize 1906 

“Quando camminerete sulla terra dopo aver volato, guarderete il cielo perché là siete stati e là vorrete tornare” … ”Non sai tu che la nostra anima è composta di armonia”… “No words are needed for those who understand music”. Leonardo Da vinci. Trattato della pittura.

“Mens sana in corpore sano”. Giovenale, Satire, X, 356 

“Il mio obiettivo nella vita è quello di dare al mondo ciò che ho avuto la fortuna di ricevere: l’estasi della divina unione attraverso la mia musica e la mia danza”. Micheal Jackson

Riferimenti bibliografici:
  • Gulyaeva, N.V. Molecular mechanisms of neuroplasticity: An expanding universe. Biochemistry Moscow (2017) 82: 237. https://doi.org/10.1134/S0006297917030014
  • Marciak-Kozłowska, et Human Brain & Cosmos. Journal of Consciousness Exploration & Research January 2017; Volume 8 | Issue 1 | pp. 74-79, 74
  • Amir Sharafkhaneha, Dariush Savadi Oskoui.Explorations of Human Brain. J Exp Clin Neurosci, , 2017, 4(1): 1-2
  • Bhuckory,L. Mattera, K. D. Wegner, X. Qiu, Y.-T. Wu, L. J. Charbonnière, P. Reiss, N. Hildebrandt. “Direct conjugation of antibodies to the ZnS shell of quantum dots for FRET immunoassays with low picomolar detection limits”. Chemical Communications, 2016, DOI: 10.1039/C6CC08835J
  • Hardison RCFinding partners to play the music of regulationBlood, 2016 Mar 31;127(13):1624-6. doi:10.1182/blood-2016-02-697169.
  • Lucia Mattera, Shashi Bhuckory, et alCompact quantum dot-antibody conjugates for FRET immunoassays with subnanomolar detection limits. Nanoscale, 2016, DOI: 1039/C6NR03261C (ASAP)
  • D’Orta, A et al. Nutritional manipulation: epigenetic effect in cancer. WCRJ, 2015
  • Epigenomics: Roadmap for regulation. Nature 2015, doi:10.1038/518314 (http://rdcu.be/xMRI)
  • Epigenome: The symphony in your cells. Nature 2015, doi:10.1038/nature.2015.16955
  • David Brocks. Musical patterns for comparative epigenomics. Clinical Epigenetics (2015), 7:94 DOI 10.1186/s13148-015-0127-8
  • Stelmach, Aleksandra Nerlich, Brigitte. Metaphors in search of a target: the curious case of epigenetics.New Genetics and Society (2015), doi: 10.1080/14636778.2015.1034849.
  • Tortiglione. The heritable effects of nanotoxicityNanomedicine 2014, VOL. 9, NO. 18
  • Tino, A., Ambrosone, A., Marchesano, V., and Tortiglione, C. (2014) Molecular bases of nanotoxicology, Wiley-VCH, Weinheim, Germany.
  • Francis Collins. The Language of Life: DNA and the Revolution in Personalised Medicine. 2010
  • Nessa Carey. The Epigenetics Revolution. 2012
  • Denis Noble. The Music of Life: Biology Beyond Genes. 2008

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *