L’ENDOMETRIOSI

A cura del Dott. Giovanni Sambiase e della Dott.ssa Sara Davide

L’endometriosi è una patologia femminile benigna, cronica e ricorrente che si verifica con un’incidenza stimata intorno al 10% tra donne in età fertile. Essa è caratterizzata dalla presenza, e dall’incremento, di tessuto endometriale all’esterno della cavità uterina (ovaie, tube, peritoneo, vagina, intestino). Il tessuto endometriosico patologico è estrogeno-dipendente ed è caratterizzato da processi infiammatori, cronici e/o acuti, che coinvolgono non soltanto gli organi pelvici. L’endometriosi determina, di conseguenza, nel corpo della paziente, un processo flogistico cronico e dannoso per l’apparato femminile. Lo stretto rapporto tra la patologia e l’assetto ormonale giustifica il regresso della malattia al sopraggiungere della menopausa e/o negli stati di amenorrea.

I principali sintomi dell’endometriosi sono caratterizzati da dolori molto intensi durante il periodo mestruale (dismenorrea), premestruale e nel periodo dell’ovulazione, dispareunia profonda, disuria (difficoltà nell’urinare), dischezia o meglio dolore alla defecazione, spesso con cicli di diarrea e stipsi, colon irritabile con forti sofferenze intestinali, stanchezza fisica cronica ed infertilità.                                                  

Diagnosi: l’esame ecografico transvaginale (TVS) rappresenta, ad oggi, la tecnica diagnostica di prima scelta e maggiormente accurata nello studio e nella diagnosi dell’endometriosi. La patofisiologia della malattia rimane oggetto di discussione e i meccanismi della progressione della malattia, nonché il ruolo della genetica e dell’epigenetica nel processo, devono ancora essere stabiliti con certezza scientifica.

Tra le ipotesi più accreditate vi è quella della mestruazione retrograda: durante il ciclo i frammenti endometriali uterini, invece di fluire verso l’esterno, subirebbero un ritorno verso le pelvi. Ciò comporterebbe un passaggio di cellule endometriali sul peritoneo e sugli organi pelvici che porterebbero alla proliferazione anomala del tessuto. I dati in letteratura, tuttavia, sembrerebbero dirimenti: circa l’80-90% delle donne con flussi mestruali e tube aperte presentano questo disturbo, ma soltanto nel 10-15% delle stesse si reperisce la malattia.  

Evers ha riassunto i potenziali meccanismi biologici che possono impedire o favorire tale malattia: nel corso della mestruazione, frammenti vitali di endometrio superficiale o funzionale si staccano dall’endometrio basale, probabilmente ad opera di una metalloproteinasi o dell’azione del TNF-α che induce la morte cellulare (apoptosi), e vengono espulsi insieme al normale sangue mestruale.

Parte di essi possono poi passare, per via retrograda, nel lume tubarico e da qui raggiungere il peritoneo e gli organi pelvici. Il fatto che solo una piccola percentuale di quell’80-90% di donne, nelle quali si verifica la mestruazione retrograda, vada incontro alla malattia può dipendere dall’equilibrio che nella cavità pelvica esiste tra fattore di difesa contro l’impianto dell’endometrio (ad esempio, macrofagi attivati, cellule NK) e la possibilità per i frammenti endometriali di aderire, non tanto alla superficie del peritoneo, quanto alla matrice extracellulare sottoperitoneale, il che può avvenire solo in seguito a microtraumi verificatisi sulla sierosa del peritoneo. Secondo altre teorie, l’endometriosi sarebbe causata da una modificazione genetica o epigenetica della cellula endometriosica. Infine, una terza ipotesi, avvalora la tesi secondo cui la patologia si svilupperebbe in seguito ad un’alterazione del sistema immunitario, infatti gli aspetti immunologici rappresentano un settore di ricerca e di studio molto interessante. Esiste una chiara evidenza che la funzione del sistema immunitario in pazienti con endometriosi è alterata.

Massobrio et al. sono del parere che il sistema immunitario svolga un ruolo determinante nella patogenesi dell’endometriosi, provocando una cascata di eventi caratterizzata dall’adesione al mesotelio delle cellule endometriali sopravvissute, dalla conseguente reazione infiammatoria che si sviluppa, dall’attivazione dei macrofagi e dal rilascio di fattori immunosoppressivi che inibiscono la distruzione dell’endometrio ectopico.

L’endometriosi pelvica si associa frequentemente ad infertilità, anche quando le donne affette ovulano regolarmente e presentano tube funzionali. Anche negli stadi più precoci, prima che si stabiliscano sindromi aderenziali o sovvertimento della normale anatomia, l’endometriosi si associa ad infertilità.                                                            

L’esatto meccanismo attraverso il quale questa patologia interferisce con la fertilità non è ancora completamente noto, anche se molteplici cause sono state suggerite. Molti studi hanno ipotizzato che la disfunzione ovulatoria contribuisce all’infertilità in pazienti con endometriosi minima (Tummon et al.).

Come combattere l’endometriosi a tavola?

Un regime alimentare idoneo contribuirà in maniera determinante non solo al miglioramento della qualità ovarica ma anche alla riduzione dei dolori e dell’infiammazione. Comprendere il ruolo dell’alimentazione nello sviluppo dell’endometriosi è fondamentale per lo sviluppo di istruzioni dietetiche efficaci per la prevenzione. Gli studi esistenti riguardanti la nutrizione e l’endometriosi suggeriscono che la dieta è un fattore di rischio potenzialmente modificabile per l’endometriosi.                                                                               

Frutta e verdura, olio di pesce, alimenti ricchi di calcio e vitamina D e acidi grassi omega-3 sono probabilmente associati a un minor rischio di sviluppare endometriosi. Un ampio studio ha trovato un’associazione relativamente forte tra endometriosi e consumo di acidi grassi “trans” e un minor rischio di endometriosi con un maggiore consumo di acidi grassi omega-3 a catena lunga. Il consumo di grassi in generale, e il consumo di carne di manzo e altri tipi di carne rossa e alcol, rappresentano fattori di rischio e andrebbero evitati per chi soffre di questa dolorosa patologia.                                                                                              

La dieta deve essere fortemente anti-infiammatoria, consumando quotidianamente sostanze come: zenzero, curcuma, verdura cruda ed estratti di verdura. Se l’endometriosi si associa al colon irritabile, con forti sofferenze intestinali, risulta utile valutare una dieta low FODMAP  (Fermentable Oligosaccharides, Disaccharides, Monosaccharides and Polyols) con esclusione di qualsiasi latticino. Chiaramente ogni consiglio e piano alimentare deve essere strettamente personalizzato sulla base della sintomatologia e tenendo sempre presente che non sono i nutrienti in sé a poter fare la differenza, quanto la sinergia di determinate combinazioni alimentari. Sono comunque necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno l’influenza dei prodotti alimentari consumati sul rischio di sviluppo di questa malattia.     

L’articolo è stato scritto in collaborazione con la dottoressa Sara Davide – Biologa Nutrizionista.

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

  • Endometriosis: pathogenesis and treatment. Vercellini P, Viganò P, Somigliana E, Fedele L. Nat Rev Endocrinol. 2014 May;10(5):261-75. doi: 10.1038/nrendo.2013.255. Epub 2013 Dec 24.
  • Pathogenesis of deep endometriosis. Gordts S, Koninckx P, Brosens I. Fertil Steril. 2017 Dec;108(6):872-885.e1. doi: 10.1016/j.fertnstert.2017.08.036. Epub 2017 Oct 31.
  • Massobrio M, Ardizzoja M, Carmuzzi CM, Comoglio F, Olivieri MG. Aspetti immunologici dell’endometriosi: la risposta dell’ospite. In Venturini, Prefumo, Evers (Eds): Endometriosi: dalla Ricerca di Base alla Clinica. Parthenon, London, 1998.
  • Evers (Eds): Patogenesi: perché le donne sviluppano l’endometriosi? In Venturini, Prefumo, Evers (Eds): Endometriosi: dalla Ricerca di Base alla Clinica. Parthenon, London, 1998.
  • Tummon IS, Maclin VM, Radwanska E, Binor Z, Dmowski WP. Ovulatory dysfunction in women with minimal endometriosis or unexplained infertility. Fertil Steril 1988;50:716-20.
  • Thiamine, folate, vitamin C, and vitamin E from food sources are inversely related to endometriosis risk. Our results suggest that the protective mechanism may not be related to the nutrients themselves but rather other components of foods rich in these micronutrients or factors correlated with diets high in these vitaminrich foods. A prospective cohort study of vitamin B, C, E, and multivitamin intake and endometriosis – Darling AM Chavarro JE Malspeis S Harris HR Missmer SA. J Endometr. 2013 Jan 1;5(1):17-26.
  • Diet and endometriosis risk: a literature review. Fabio Parazzini, Paola Viganò, Massimo Candiani, Luigi Fedele. Reprod Biomed Online. 2013 Apr;26(4):323-36. doi: 10.1016/j.rbmo.2012.12.011. Epub 2013 Jan 21.
  • Nutritional aspects related to endometriosis. Gabriela Halpern, Eduardo Schor, Alexander Kopelman. Rev Assoc Med Bras. Nov-Dec 2015;61(6):519-23. doi: 10.1590/1806-9282.61.06.519.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *