Le uova non sono legate ad un rischio cardiovascolare per i diabetici

Secondo un recente studio, svolto dall’Università di Sidney, è stato dimostrato che mangiando fino a 12 uova alla settimana per un intero anno, non si aumentavano i fattori di rischio cardiovascolari in pazienti pre-diabetici o con diabete di tipo 2.
Nonostante i diversi dati, riguardanti i quantitativi di uova da consumare in sicurezza per soggetti con pre-diabete e diabete di tipo 2, la nuova evidenza scientifica indica che non è necessario astenersi dal mangiare le uova, se queste rientrano a far parte di un sano regime alimentare che prevede la sostituzione di grassi saturi con grassi monoinsaturi e polinsaturi (come l’olio extravergine d’oliva).
Le uova sono alimenti ad elevato contenuto di colesterolo, le cui concentrazioni, soprattutto nella forma LDL (colesterolo cattivo), risultano elevate nei soggetti diabetici; Tuttavia, è stato dimostrato che il consumo di uova ha uno scarso effetto sui livelli di colesterolo nel sangue e questo è accertato anche nei soggetti con prediabete o con diabete di tipo2. L’uovo è un alimento ad altissimo valore nutrizionale, sono una fonte di proteine e micronutrienti che potrebbero aiutare nel regolare l’assunzione di grassi e carboidrati; sono, inoltre, fondamentali per la salute degli occhi, del cuore e non hanno un grosso impatto sul peso.

Dott.ssa Michela Zizza

Bibliografia
University of Sidney
The American Journal of Clinical Nutrition, 2018

Le indicazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto con il medico. E’ pertanto opportuno consultare il proprio medico curante e/o lo specialista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *