La telomerasi nasconde la vita eterna?

Vi siete mai chiesti cosa succede alle estremità dei cromosomi? (Che sono le entità in cui il vostro Dna è scritto). I cromosomi visti al microscopio, ma vi sarà capitato di vederli in qualche raffigurazione, hanno una forma simile a bastoncini, tenuti insieme al loro omologo da un piccolo rigonfiamento centrale, detto appunto centromero.
Ma se il centromero serve a tenere saldo il centro e ad impedire che il cromosoma si perda durante le divisioni cellulari, come si fa a non compromettere le estremità più esterne? Durante le replicazioni del Dna, per un problema di appaiamento della Rna polimerasi sull’elica 3′ si crea un naturale accorciamento del filamento, che nel tempo causa proprio l’invecchiamento cellulare, fino a che impossibilitata a replicarsi, la cellula muore.

Nelle cellule germinali (ovvero in ovuli e spermatozoi) e in quelle tumorali (che riprendono l’attività telomerasica non si sa ancora perché), l’enzima telomerasi che è una proteina ribonucleica, protegge le estremità lasciate libere nei cromosomi, lavorando in senso inverso sui filamenti di Dna appena replicato e chiudendo con un’ansa detta appunto ansa telomerica le estremità, coadiuvata da un gruppo di proteine chiamate shelterine.

Qualche anno fa sui giornali avrete potuto leggere, come la scoperta dell’attività telomerasica potesse conferire immortalità alla cellula, ebbene questa possibilità è da ritenersi esclusa purtroppo, poiché una cellula che ha accumulato tanti errori di replicazione non riparati, cosa che normalmente succede con il tempo al nostro corredo cellulare, è un pericolo per l’organismo e quindi deve andare incontro a morte programmata. La prosecuzione indiscriminata di una cellula del genere porta allo sviluppo di mutazioni pericolose.

La scoperta dell’immortalità è decisamente rimandata a data da destinarsi 🙂

Bibliografia: Diverse regulatory manners of human telomerase reverse transcriptase. Jie MM, Chang X, Zeng S, Liu C, Liao GB, Wu Yr, Liu Ch, Hu Cj, Yang Sm, Li XZ

Articolo di libera ispirazione di Lisa Liguori Biologo genetista cellulare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *