ETICHETTE ALIMENTARI: VERITà, UTILITà ED ACCURATEZZA NELLE AFFERMAZIONI

Le etichette alimentari hanno lo scopo di aiutarci a prendere decisioni migliori al supermercato, ma lo fanno davvero?

Molti consumatori affermano che c’è troppa scelta, troppe informazioni confuse e troppo poco tempo per prendere una decisione intelligente e ponderata.

L’etichettatura ha senso, dal momento in cui si capisce cosa si sta leggendo; il problema, ancora una volta, è che le etichette degli alimenti non sono sempre chiare quindi, anche se le persone volessero davvero leggere ed usare al meglio le etichette, trovano difficile farlo.

Ma partiamo dalla teoria; le etichette degli alimenti ci aiutano a prendere decisioni idealmente più sane grazie alla disponibilità di informazioni su alimenti e nutrizione in un rapido formato di riferimento al fine di scegliere gli alimenti migliori per le nostre esigenze. Inoltre, assicurano una certa responsabilità e trasparenza da parte dei produttori; in altre parole, ciò che vedi sull’etichetta è ciò che in teoria assumi realmente, ma in pratica?

Esistono 2 tipi generali di etichette:

-Etichette legalmente richieste: le quali sono regolate da leggi e regolamenti riguardanti l’imballaggio, la provenienza e le informazioni nutrizionali (ingredienti e valori nutrizionali)

-Etichette fornite dal settore: le quali sono a discrezione del produttore; di solito le troviamo sulla facciata anteriore della confezione.

Cominciamo a separare i fatti dalla finzione, è vero che esistono leggi e normative riguardo l’etichettatura degli alimenti, come le informazioni nutrizionali, il paese di origine, informazioni pertinenti alla salute, la sicurezza, l’agricoltura, se il cibo è OGM (in alcuni casi), eccetera ma bisogna anche e sopratutto dare un giudizio personale su ciò che stiamo acquistando e capire che se qualcosa è etichettato come “a basso contenuto di grassi”, può essere tale solo perchè ha pochi grammi di grassi per minuscola porzione oppure ci sono molte sostanze alimentari tecnicamente molto zuccherine, ma che non vengono etichettate come tali, oppure alimenti indicati come “ricco di fibra”o “fatto con vera frutta”; le informazioni a misura di creatore sono orientate agli interessi dei creatori stessi.

Poniamo adesso l’attenzione alle informazioni sulla faccia anteriore della confezione, servono a catturare l’attenzione del consumatore con colori sgargianti ed informazioni lampo sulle proprietà salutari e benefiche del prodotto; questo dovrebbe idealmente aiutare il consumatore a decide meglio cosa acquistare.

La Food Standard Agency (FSA) britannica ha chiesto alle aziende di utilizzare volontariamente le linee guida per “l’etichetta a semaforo” dal 2005 ed anche in UE si sta discutendo di un sistema simile.

Quest’ultimo si basa sull’identificare i valori nutrizionali di un prodotto alimentare utilizzando una scala cromatica; è un sistema a punteggio secondo il quale il burro nutrito con erba o le noci secche o l’olio di cocco potrebbero classificarsi come alimento “rosso” perchè ricco di grassi.

In tutto questo trambusto bisogna rimanere dei consumatori lucidi e critici e quindi dare maggiore importanza alle informazioni che NOI riteniamo più utili come consumatori attenti alla salute; guardare attentamente come vengono presentati i prodotti, che tipo di messaggi inviano, “alimento ricco di fibre”, magari la fibra è stata aggiunta durante la lavorazione come le vitamine B nei cereali, quindi a tal proposito quando vieni attirato da uno slogan, valuta in maniera obiettiva.

I dibattiti a questo riguardo non riescono ancora a placarsi perchè si è ancora in dubbio su cosa funzioni meglio, sopratutto considerando che persone diverse leggono le etichette in modo diverso o non le leggono affatto, guardano solo il prezzo.

Leggere e comprendere le etichette sono due cose diverse, i produttori sanno che la pubblicità per i bambini ad esempio, è un ottimo modo per ignorare qualsiasi decisione basata sull’etichetta (basta che metti la foto dei Marvel e il gioco è fatto), oppure scrivere in verde la parola “SANO” o “INTEGRALE” e così via.

I consumatori possono anche comprendere un’etichetta semplice come il semaforo, ma ciò non basta per evitare la ricerca di cibi più gustosi senza badare all’etichettatura. Generalmente sono solo le persone più interessate a controllare il loro peso a verificare l’etichette; quelle famose con su scritto “SANO” o “INTEGRALE”.

Quindi mettendo tutto insieme, oltre a tutte queste leggi sulle etichette, bisognerebbe educare il consumatore tramite le figure professionali, quest’ultime in primis a conoscenza del problema.

Bisognerebbe essere meno affrettati nel fare la spesa, la pubblicità si basa su messaggi ad impatto rapido, mangiare cibi veri e non in scatola, questo farà risparmare molto tempo nella lettura di un etichetta, e quando abbiamo bisogno di leggere l’etichetta focalizzare l’attenzione maggiormente sugl’ ingredienti che sulle calorie e i grassi in generale infine promuovere cibi organici e sopratutto locali al di là di qualsiasi punteggio di salubrità.

Indipendentemente da ciò che si decide di acquistare, l’ importante è che l’utente sia cosciente e responsabile della sua scelta alimentare; il quale come consumatore critico ha il potere di fare scelte sane e quindi di usare saggiamente questo potere, perché in fondo, il gioco sta tutto qui.

Riferimenti

Antonuk Beth & Block LG. L’effetto del servizio singolo contro l’intero pacchetto Informazioni nutrizionali sulle norme di consumo e sul consumo effettivo di uno snack. J Nutr Educ Behav. 2006; 38: 365-370

Servizio notizie AP. Associazione del cuore per approvare alcuni alimenti. 28 giugno 1988.

Bes-Rastrollo M, et al. Consumo di noci e aumento di peso in una coorte mediterranea: lo studio SUN. Obesità (Silver Spring). 2007; 15: 107-116.

Bes-Rastrollo M, et al. Studio prospettico del consumo di noci, cambiamento di peso a lungo termine e rischio di obesità nelle donne. Am J Clin Nutr. 2009; 89: 1913-1919.

Bialik C.   Nuovi studi sulla matematica della dieta . Giornale di Wall Street. 2 aprile 2010.  

Brody JE. Continui a contare le calorie? Il tuo piano di perdita di peso potrebbe non essere aggiornato . New York Times. 18 luglio 2011.

Byrd-Bredbenner C, et al. La conoscenza dell’etichetta nutrizionale e i comportamenti di utilizzo delle donne negli Stati Uniti. Bollettino nutrizionale. 2000; 25: 315-322.

Crum AJ, et al. Mente sui frullati: le mentalità, non solo i nutrienti, determinano la risposta della grelina. Health Psychol.2011; 30: 424-429.

Dhingra R, et al. Consumo di bevande analcoliche e rischio di sviluppo di fattori di rischio cardiometabolico e sindrome metabolica negli adulti di mezza età nella comunità. Circolazione. 2007; 116: 480-488.

Drichoutis AC, et al. Un’indagine teorica ed empirica sull’uso delle etichette nutrizionali. Eur J Health Econ. 2008; 9: 293-304.

Duffey KJ e Popkin BM. Densità energetica, dimensioni delle porzioni e occasioni per mangiare: contributi all’aumento dell’apporto energetico negli Stati Uniti, 1977-2006. PLoS Med. 2011; 8: e1001050.

Rapporto di ricerca Dunbar G.: Etichettatura nutrizionale basata su attività. Appetito. 2010; 55: 431-435.

Evenepoel P, et al. Digeribilità delle proteine ​​dell’uovo cotte e crude nell’uomo, valutata mediante tecniche di isotopi stabili. J Nutr. 1998; 128: 1716-1722.

Fooducate. 1862 – 2011: breve storia dell’etichettatura degli alimenti e della nutrizione .

Fooducate. Il problema problematico del nutrizionismo .

Gorton D, et al. Etichette nutrizionali: un’indagine sull’uso, la comprensione e le preferenze tra gli acquirenti etnicamente diversi in Nuova Zelanda. Public Health Nutr. 2009; 12: 1359-1365.

Jones G & Richardson M. Un esame obiettivo della percezione da parte dei consumatori delle informazioni nutrizionali in base ai valori di salubrità e ai movimenti oculari. Public Health Nutr. 2007; 10: 238-244.

Kim WK e Kim J. Uno studio sulla percezione del consumatore dell’etichettatura nutrizionale preconfezionata. Pratica di ricerca nutrizionale. 2009; 3: 300-306.

Kümpel Nørgaard M & Brunsøa K. Uso da parte delle famiglie di informazioni nutrizionali sulle etichette degli alimenti. Qualità e preferenza degli alimenti. 2009; 20: 597-606.

Lin CT, et al. Le assunzioni alimentari influiscono sulla ricerca di informazioni nutrizionali sulle etichette degli alimenti? Soc Sci Med. 2004; 59: 1955-1967.

Livesey G. Una prospettiva sugli standard energetici alimentari per l’etichettatura nutrizionale. Br J Nutr. 2001; 85: 271-287.

Livesey G. Valori energetici di carboidrati e diete non disponibili: un’indagine e un’analisi. Am J Clin Nutr. 1990; 51: 617-637.

Louie JC, et al. Un confronto tra due sistemi di segnaletica nutrizionale da utilizzare in Australia. Toro della sanità pubblica del NSW. 2008; 19: 121-126.

Martinez-Gonzalez MA e Bes-Rastrollo M. Consumo di noci, aumento di peso e obesità: prove epidemiologiche. Nutr Metab Cardiovasc Dis. 2011; 21 Suppl 1: S40-S45.

Mattes RD & Dreher ML. Meccanismi matti e sani di mantenimento del peso corporeo. Asia Pac J Clin Nutr. 2010; 19: 137-141.

Melnick M.   Nessuno ordina insalate da fast food, ma non è questo il vero problema . Time Magazine.

Mozaffarian D & Ludwig DS. Linee guida dietetiche nel 21 ° secolo – un tempo per il cibo. JAMA. 2010; 304: 681-682.

Mozaffarian D, et al. Cambiamenti nella dieta e nello stile di vita e aumento di peso a lungo termine nelle donne e negli uomini. N Engl J Med. 2011; 364: 2392-2404.

Murakami K, et al. Durezza (difficoltà di masticazione) della dieta abituale in relazione all’indice di massa corporea e alla circonferenza della vita nelle donne giapponesi viventi di età compresa tra 18 e 22 anni. Am J Clin Nutr. 2007; 86: 206-213.

MSNBC.  Nessuna calorie, stesso gusto (e rischi per il cuore) . Consultato il 30 agosto 2011.

Nørgaard MK & Brunsø K. Uso da parte delle famiglie di informazioni nutrizionali sulle etichette degli alimenti. Qualità e preferenza degli alimenti. 2009; 20: 597-606.

Ogden CL e Carroll MD. Prevalenza di sovrappeso, obesità e obesità estrema tra gli adulti: Stati Uniti, tendenze 1960-1962 fino al 2007-2008. Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie; 2010.

Oka K, et al. Le differenze nella struttura del cibo influenzano il metabolismo energetico nei ratti. J Dent Res. 2003; 82: 491-494.

Popkin BM e Duffey KJ. La fame e la sazietà spingono più a mangiare? Aumentare le occasioni di mangiare e diminuire i tempi tra le occasioni di mangiare negli Stati Uniti. Am J Clin Nutr. 2010; 91: 1342-1347.

Roodenburg ACJ, et al. Sviluppo di criteri internazionali per un sistema di etichettatura dei prodotti alimentari frontali: il programma internazionale di scelte. Eur J Clin Nutr. 2011; 65: 1190-1200.

Sacchi G, et al. Impatto dell’etichettatura nutrizionale “semaforo” frontale sugli acquisti di alimenti di consumo nel Regno Unito. Promozione della salute internazionale. 2009; 24: 344-352.

Sharma LL, et al. L’industria alimentare e l’autoregolamentazione: norme per promuovere il successo ed evitare i problemi di salute pubblica. Am J Public Health. 2010; 100: 240-246.

Thiel R. La verità sulle vitamine negli integratori. Monitor di medicina naturopatica americana. 2003; 6: 2.

Trivedi B. L’illusione calorica: perché le etichette degli alimenti sono sbagliate. Nuovo scienziato. Numero 2717. 2009.

Congresso degli Stati Uniti. Legge sull’etichettatura nutrizionale e sull’istruzione del 1990

Food and Drug Administration (USDA) degli Stati Uniti. Informazioni per il consumatore: etichette alimentari. Come capire e utilizzare l’etichetta dei fatti nutrizionali .

Food and Drug Administration (USDA) degli Stati Uniti. Lettera aperta all’industria del Dr. Hamburg. 3 marzo 2010.

Food and Drug Administration (USDA) degli Stati Uniti. Guida per l’industria: Gentile lettera del produttore relativa ai simboli della confezione . Dicembre 2008

Urban LE, et al. Accuratezza del contenuto energetico dichiarato di alimenti a energia ridotta, preparati commercialmente. J Am Diet Assoc. 2010; 110: 116-123.

Urban LE, et al. Precisione del contenuto energetico dichiarato degli alimenti dei ristoranti. JAMA. 2011; 306: 287-293.

Vyth EL, et al. Uso effettivo di un logo nutrizionale pronto per l’uso nel supermercato: le motivazioni dei consumatori nella scelta degli alimenti. Nutrizione per la salute pubblica. 2010; 13: 1882-1889.

Cibi integrali. I 10 migliori punteggi ANDI .

Wills JM, et al. Esplorare le attitudini globali dei consumatori nei confronti delle informazioni nutrizionali sulle etichette degli alimenti. Nutr Rev. 2009; 67 (Suppl. 1): S102 – S106

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *