Nutrizione sportiva – La glutammina come amminoacido anti fatica

La glutammina è un amminoacido essenziale ampiamente utilizzato nella nutrizione sportiva, soprattutto a causa del suo ruolo immunomodulatore. Tuttavia, la glutammina svolge altre funzioni biologiche, come la proliferazione cellulare, la produzione di energia, la glicogenolisi, il tampone di ammoniaca ed il mantenimento dell’equilibrio acido base. Recentemente, questo amminoacido è stato …

Wine Waste: trasformare gli scarti del vino in risorse è possibile.

Valorizzare i rifiuti vitivinicoli per produrre nutraceutici, cosmetici e biocarburanti. La filiera enologica produce ogni anno enormi quantità di rifiuti lungo la catena di produzione. In un’ottica di sostenibilità ed economia circolare a scarto zero negli ultimi anni si stanno mettendo a punto nuove strategia per il recupero degli elementi …

Esercizio fisico e dimagrimento

In linea teorica, l’attività più efficace per consumare gli acidi grassi, è quella prolungata e condotta a bassa intensità. Infatti, gli acidi grassi possono derivare da almeno 3 sorgenti: – dai chilomicroni e dalle lipoproteine di derivazione epatica – dagli adipociti del tessuto adiposo – dai trigliceridi del muscolo Un’importante …

INFLUENZA DEI PRODOTTI DELLA GLICAZIONE NELLA NEFROPATIA DIABETICA

PREMESSA Il diabete è divenuto la causa più frequente di insufficienza renale terminale richiedente un trattamento sostitutivo negli USA (40% dei nuovi ingressi in dialisi). In Europa rappresenta circa il 20% dei nuovi ingressi. In Italia la percentuale di diabetici che entrano annualmente in dialisi varia dal 12 al 19% …

A spasso con Lucy

Laetoli. 3,6 milioni di anni fa. Nel cuore verde della Tanzania , il vulcano Sadiman erutta. Il terreno circostante viene ricoperto da uno strato di cenere alto circa 15 cm. Inizia a piovere. La pioggia inumidisce il velo di cenere creando una fanghiglia. Ed eccoli. Assieme ad altri animali ed …

Ruolo del bifidobacterium longum ES1 nella gluten sensitivity

La gluten sensitivity ( sensibilità al glutine non celiaca) viene diagnosticata in soggetti che non soffrono di celiachia o allergia al grano, ma nei soggetti che presentano sintomi intestinali, sintomi extraintestinali o entrambi, correlati all’ingestione di cereali contenenti glutine, con un miglioramento sintomatico, se quest’ultimo viene escluso dalla dieta. La variabilità clinica …